Back to Top

Tumori, sempre più curabili

Istituto Oncologico della Svizzera Italiana

Il “male incurabile”
ora è sempre più curabile

BELLINZONA - L’Istituto Oncologico della Svizzera italiana (IOSI), inserito nell’Ospedale multisito EOC (Ente Ospedaliero Cantonale), è un centro di riferimento nazionale ed europeo per 6 mila pazienti. Una sessantina di medici specialisti si occupano di diagnosi, terapia e ricerca nell’ambito delle malattie tumorali e assistono il paziente lungo tutto il percorso della malattia.
Sull’arco di circa 40 anni, l’oncologia del settore ospedaliero pubblico ticinese ha offerto ai suoi pazienti i benefici della ricerca oncologica, del celere progresso nella conoscenza e nel trattamento di oltre 200 diversi tipi di tumore solidi ed ematologici. Attualmente, diagnosi precoci e trattamenti personalizzati e mirati al tipo di tumore e allo stadio della malattia danno buone probabilità di remissione parziale o completa della malattia e salvaguardano la qualità di vita del paziente.
Le percentuali di guarigione e di sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi sono in costante aumento:
ad esempio, i pazienti con tumore del colon metastatico, con mieloma o con linfoma hanno visto la loro speranza di vita aumentare di circa 2 anni nell’ultimo decennio.
Allo IOSI si è imposta la multidisciplinarietà e la complementarietà fra pratica e ricerca clinica. Tecnologie di punta consentono diagnosi precise e indagini fondamentali per appurare lo stadio della patologia tumorale. Le linee guida per il trattamento delle più frequenti neoplasie e la discussione di ogni singolo caso nei Tumor Board permettono di proporre piani terapeutici a misura del paziente, specifici al tipo di tumore, ponderati per contenere gli effetti collaterali e limitare i danni agli organi sani e ai tessuti circostanti. Le terapie radianti hanno raggiunto un alto grado di selettività, quelle farmacologiche sono meglio sopportate e annoverano gli antitumorali di ultima generazione, farmaci a bersaglio molecolare, detti “farmaci intelligenti”.
Grazie all’alto livello di specializzazione del corpo medico, lo IOSI è abilitato a gestire protocolli terapeutici sperimentali somministrabili al paziente, su suo esplicito consenso informato. Molti sono i programmi di ricerca in corso e le collaborazioni con centri di riferimento nazionali e internazionali.
La reputazione di questo Cancer Center supera i confini cantonali: pazienti svizzeri e stranieri arrivano allo IOSI per sottoporsi a trattamenti o per un secondo parere; medici specializzandi in oncologia di tutto il mondo vi trascorrono periodi di formazione.
Cure a misura di paziente Il maggior numero di casi trattati allo IOSI riguarda, nell’ordine, tumori al seno e all’apparato gastrointestinale,
linfomi e mielomi, cancro al polmone. L’Istituto ha costituito dei team dedicati a specifici tumori solidi ed ematologici che operano in sinergia con unità e servizi preposti ad attività specialistiche (ricerca nuovi farmaci, trapianti di cellule staminali autologhe, oncologia geriatrica, neuro-oncologia, riabilitazione oncologica, fisica medica).
L’attività ospedaliera e la ricerca vanno di pari passo. Il know how dell’equipe medica dedicata, la collaborazione con colleghi di disciplina e di altre discipline (chirurghi, gastroenterologi, pneumologi, ginecologi, ecc.) e l’interazione con servizi dell’EOC e centri di riferimento svizzeri e internazionali pongono le migliori premesse per piani terapeutici a misura di paziente, basati su una terapia unica o un trattamento combinato (chirurgia, chemioterapia, terapia “a bersaglio”, radioterapia e radiologia interventistica).
Per donne e uomini è posta attenzione alla prevenzione dell’infertilità. Nei pazienti over 70 anni, fascia d’età maggiormente colpita da neoplasie maligne, la scelta terapeutica è preceduta da una valutazione geriatrica sulla base della quale è proposto un trattamento appropriato allo stato di salute o di comorbidità dell’anziano.
Fonte: presente, il magazine dell’Ospedale Ticino

IOSI
Un istituto, sei servizi e team multidisciplinari

Oncologia medica. Reparto di degenza a Bellinzona. Cure ambulatoriali decentralizzate nei quattro ospedali regionali. Prossimità per il paziente. Oncologi operativi in diverse sedi. Linee guida aggiornate periodicamente per il trattamento delle più frequenti neoplasie maligne.
Primario: Prof. Michele Ghielmini.

Radio-oncologia. A Bellinzona e Lugano (sede Ospedale Italiano). Tecniche ad alta precisione basate sulla definizione volumetrica, tridimensionale del tumore e dell’anatomia degli organi critici. La modulazione della dose al tumore e la riduzione di quella ai tessuti sani aumentano le probabilità terapeutiche.
Primario: Dr. ssa Antonella Richetti.

Medicina Nucleare e Centro PET/CT. A Bellinzona (ORBV) e Lugano (Civico). Indagini per mezzo di radio-farmaci a debole emissione radioattiva e di strumentazioni di alta complessità tecnologica: in oncologia, cardiologia, endocrinologia, neurologia e medicina interna. Terapie: malattie tiroidee benigne e tumorali, metastasi ossee, alcuni tipi di linfoma e malattie infiammatorie articolari.
Primario: Prof. Luca Giovanella.

Ematologia. Unico laboratorio ticinese in grado di dare un quadro diagnostico ematologico globale. Integra tutte le tecniche disponibili per la diagnostica di laboratorio e clinica per tutte le malattie del sangue. Competente per il trattamento di cellule  staminali periferiche a scopo di trapianto autologo.
Primario: PD Dr. med. Georg Stüssi.

Cure palliative. Per una presa a carico globale del paziente con una patologia evolutiva e dei suoi famigliari. In ogni ospedale dell'EOC: servizio di cure palliative. A Bellinzona, reparto specializzato. Collaborazione con Hospice Ticino, per cure palliative a domicilio.

Direttore Clinico: Dr.ssa Claudia Gamondi.

Ricerca. Attività clinica negli ambulatori e nel reparto di degenza; il paziente ha la possibilità di ricevere nuovi farmaci antitumorali. Ricerca sperimentale nei laboratori dell’Istituto Oncologico di Ricerca (IOR - Bellinzona). Collaborazioni e sinergie
a livello nazionale e internazionale. Direttore scientifico: Prof. Franco Cavalli.

Di più sull’offerta sanitaria:
www.iosi.ch
Numero di contatto per il paziente:
tel. +41 (0)91 811 94 10

ABOUT THE AUTHOR
0 Comment(s) to the "Tumori, sempre più curabili"
  • Archivio
  • Primo piano
  • Interviste

Archivio

   
Berna, 12.06.2018 - Il barometro della transizione rileva le...
Wednesday, July 11, 2018 - 13:55
Gentili signori, Ho lavorato alcuni anni in Svizzera poi, pe...
Wednesday, July 11, 2018 - 13:54
Lo indicano le previsioni del servizio di confronto online c...
Wednesday, July 11, 2018 - 13:53
l 1° agosto 2018 entrano in vigore la revisione del regolame...
Wednesday, July 11, 2018 - 13:51
Nelle grandi città i giovani adulti sono la fascia di età ne...
Monday, June 18, 2018 - 18:51
di Alberto Costa   Dopo i saluti introduttivi del presidente...
Tuesday, February 13, 2018 - 19:27

User login