Back to Top

Dopo il San Gottardo le FFS intendono aprire parecchi nuovi cantieri

I lavori andranno avanti fino al 2020

(ats) Non appena sarà percorribile la nuova galleria di base del San Gottardo, le FFS intendono aprire parecchi nuovi cantieri sulle linee d'accesso a nord e a sud, lavori che andranno avanti fino al 2020, quando dovrebbe essere transitabile anche il tunnel del Monte Ceneri. Durante questo periodo sarà difficile mantenere la "stabilità dell'orario", perché si prospettano anche chiusure temporanee - complete o parziali - di tratti ferroviari, ha dichiarato oggi alla stampa a Erstfeld (UR) Markus Geyer, responsabile per i progetti in questione.

La ragione per cui le Ferrovie federali vogliono cominciare i lavori di ristrutturazione sui due versanti delle Alpi subito dopo l'apertura del San Gottardo nel 2016 è la galleria del Ceneri, la cui messa in funzione è prevista per il dicembre 2019. Senza quest'ultima - ha detto Geyer - le capacità offerte dal tunnel del San Gottardo non potranno essere ancora sfruttate completamente. Le FFS vogliono dunque approfittare dell'intervallo per ammodernare e potenziare le linee d'accesso.

Nella sola Svizzera centrale, tra Zugo ed Erstfeld, le FFS contano di spendere circa 400 milioni di franchi. Verrà in particolare risanato un binario del tratto dell'Axen lungo il lago d'Uri e sarà rinnovata la stazione di Arth-Goldau (SZ).

Il progetto più consistente sarà tuttavia l'ammodernamento della linea Zugo-Arth-Goldau, preventivato a 200 milioni di franchi. Esso ha già suscitato non pochi malumori perché il tratto ferroviario tra Zugo Oberwil e Arth-Goldau dovrà essere chiuso tra la fine del 2016 e la metà del 2018. I treni Zurigo-Ticino saranno fatti passare durante questo intervallo sulla linea dell'opposta sponda del lago di Zugo, via Rotkreuz (ZG). I tempi saranno più lunghi per i viaggiatori e dovranno essere soppressi treni sulla tratta Lucerna-Rotkreuz-Zurigo.

Geyer ha giustificato la chiusura adducendo innanzitutto i costi e i tempi necessari ai lavori, che - ha detto - dovrebbero durare da cinque a sei anni se il tratto fosse mantenuto aperto durante la ristrutturazione. Le FFS preferiscono chiudere al traffico un binario o un intero tratto di ferrovia piuttosto che far lavorare gli operai soltanto durante le pause notturne, ha spiegato Geyer: il tempo a disposizione sarebbe troppo poco e nei conti bisognerebbe includere anche i supplementi di salario per il lavoro di notte.

Le Ferrovie federali impiegano attualmente circa 650 milioni di franchi all'anno per la manutenzione dell'infrastruttura. Poiché i treni sono sempre di più e corrono su linee sempre più estese aumentano anche le spese di manutenzione, ha rilevato Geyer. A causare una ulteriore crescita è anche il fatto, ha aggiunto, che tra il 1995 e il 2010 le FFS non hanno "forzato" questa manutenzione, per cui si dovrà recuperare entro i prossimi 20 anni.

ABOUT THE AUTHOR
0 Comment(s) to the "Dopo il San Gottardo le FFS intendono aprire parecchi nuovi cantieri"
  • Archivio
  • Primo piano
  • Interviste

Archivio

   
 (ats) Un credito di 11,5 miliardi di franchi. È la somma ch...
Wednesday, October 11, 2017 - 14:00
Il premio dell'assicurazione malattia di base aumenterà in m...
Wednesday, October 11, 2017 - 13:59
Da mercoledì 27 settembre sono in funzione davanti ad otto s...
Wednesday, October 11, 2017 - 13:57
Il secondo appuntamento dei lunedì del Corriere ha ospitato...
Wednesday, October 11, 2017 - 09:51
Il tema della gravidanza e della maternità rappresenta norma...
Monday, September 25, 2017 - 11:30
Per far fronte alla carenza di specialisti, i cantoni di Bas...
Monday, September 25, 2017 - 11:28

User login